Nandha Blues, partito il crowdfunding per il nuovo album

I Nandha Blues sono un trio valdostano nato nel 2010 che sta tra il rock-blues e il southern rock, quelle belle formazioni chitarra-basso-batteria, senza fronzoli, con una certa prevalenza di tecnica slide che fa molto americano. Ve ne parliamo perché da poco più di un anno, assieme al chitarrista Max Arrigo e al batterista Roberto Tassone, nei Nandha Blues ci suona il cumianese Alberto Fiorentino, bassista di grande esperienza che da sempre bazzica il mondo del blues torinese. E ci piace che un po’ del nostro territorio stia in una formazione che, forse a molti dice poco, ma che nel settore di riferimento ha saputo ritagliarsi spazi di un certo prestigio. Anche, e soprattutto all’estero. Svizzera, Germania e Francia, dove sono stati tra i protagonisti dell’Arca Blues Festival di Annecy, sono alcuni dei paesi esteri dove i Nandha Blues hanno portato la loro musica, quella che sta tra gli Allman Brothers e i Gov’t Mule, tra la storia del rock e la sua reinterpretazione neoclassica.

Da qualche tempo, i Nandha Blues sono in studio di registrazione per la realizzazione del loro secondo album, che vedrà la partecipazione di numerosi ospiti rilevanti, come per altro già accaduto in occasione delle loro precedenti uscite discografiche. Per finanziare il progetto, è partita da qualche giorno un campagna di crowdfunding, dalla durata di circa due mesi, a cui potete aderire cliccando qui. Partecipare vi permetterà di accaparrarvi una copia del disco nel formato da voi preferito: download digitale, CD o vinile. In caso poi siate particolarmente generosi, potrete addirittura riservarvi uno show personalizzato o vedere il vostro nome figurare tra i produttori dell’album.

Approfittiamo per mostrarvi un video della loro performance ad Annecy, girato lo scorso mese di ottobre. Buon ascolto e buona visione.

Ones

ones

Marco Ughetto, appassionato di musica e giornalismo, chitarrista e cantautore amatoriale, si laurea in Cinema al DAMS di Torino nel 2014, con una tesi sui rapporti tra cinema e cultura digitale. Nel 2002, insieme ad altri quattro amici, dà il via alla prima versione di Groovin' - il portale della musica nel Pinerolese.

http://groovin.eu

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: