JazzVisions 2019, il programma completo

Nel 2019 ricorre il decimo anniversario di una delle kermesse più interessanti per gli amanti del jazz tra quelle che toccano il territorio in cui viviamo. Anche quest’anno, tra Pinerolese e Saluzzese si terranno otto serate (nel momento in cui scriviamo due sono già andate!) caratterizzate da un’attenta selezione di musicisti e location che non potranno non soddisfare anche i palati più sofisticati. Di seguito il programma completo, direttamente preso dal sito ufficiale della manifestazione, con una sintesi di cosa vi aspetta per ogni singolo appuntamento. Per maggiori informazioni potete consultare il sito www.jazzvisions.it.


05/04/2019

FRANCESCO D’AURIA & MICHEL GODARD

PINEROLO (TO) | Sala Italo Tajo | 5 aprile 2019 ore 21,00

Un progetto unico al mondo! Di rara eleganza e raffinatezza, con due musicisti di razza che suonano strumenti insoliti. Il repertorio originale riecheggia sonorità e mondi diversi, miscelati sapientemente: jazz, rinascimento, barocco. Tutto trova una naturale confluenza nella musica di questi due straordinari artisti ed interpreti che sanno letteralmente ammaliare il pubblico.


11/05/2019

ALBERTO TAFURI, PIANO SOLO
FABRIZIO DE ANDRÈ E ALTRE STORIE MIE

SALUZZO | Confraternita della Misericordia | 11 maggio 2019 ore 21,00

Proseguono le Piano Series alla “Croce Nera”, come viene abitualmente chiamato uno dei gioielli architettonici della Città di Saluzzo. Sul palco un jazzista di razza che ha spesso prestato il suo talento al mondo della pop music.

Improvvisazioni e variazioni al pianoforte sulle musiche di Fabrizio De Andrè (La canzone di Marinella, Via del Campo, Rimini, Creuza de mä), con cui Alberto Tafuri ha avuto occasione di collaborare, partecipando nel 1996 alla registrazione del suo leggendario album Anime salve, alternate a composizioni originali, in un omaggio al più grande cantautore italiano di sempre.


08/06/2019

GIOVANNI AMATO QUARTET

OSASCO (TO) | Castello dei Conti Cacherano | 8 giugno 2019 ore 21,15

Ingresso 10 euro, ridotti 7 euro (fino a 18 anni e oltre i 65).

  • Giovanni Amato, tromba
  • Pietro Lussu, pianoforte
  • Vincenzo Florio, contrabbasso
  • Andrea Nunzi, batteria

Art Performer: Mario Antonetti, live painting

Il suono bruciante della tromba, come la tradizione del jazz ci ha insegnato. Giovanni Amato, fuoriclasse salernitano, da anni punta di diamante del jazz Made in Italy, unisce nel proprio linguaggio virtuosismo e intimismo, sa stupire ed emozionare, con eleganza e maturità espressiva. Ad accompagnarlo alcuni dei migliori musicisti italiani, in perfetta sintonia con il suo mondo musicale.


06/07/2019

ADA ROVATTI QUARTET

REVELLO | Officine Giletta, via De Gasperi 1 | 6 luglio 2019 ore 21,15

ingresso libero, fino ad esaurimento posti.

  • Ada Rovatti, sax tenore
  • Alberto Bonacasa, fender rhodes
  • Riccardo Oliva, bass
  • Maxx Furiann, batteria

Art Performer: Stefano Greco e Massimo Picheca

La sassofonista compositrice ed arrangiatrice Ada Rovatti, italiana di nascita, ma trapiantata da giovanissima negli Stati Uniti,ritorna in Italia accompagnata da una formidabile sezione ritmica tutta italiana. La sua musica presenta i suoi molti aspetti che, dalla linea maestra del jazz, si amalgamano con la fusion, la musica etnica e latina, il rock, includendo anche alcuni brani inediti che Ada ha registrato da poco per un nuovo progetto che uscirà in estate.


28/09/2019

MAX Y TEBA

TORRE PELLICE | Teatro del Forte | 28 settembre 2019 ore 21,00

Ingresso 10 euro, ridotti 7 euro (fino a 18 anni e oltre i 65).

Testo teatrale
MàxiTéba in The(ir) Cigar Box, di Mauro Comba

con

  • Max Carletti, cigar box guitars
  • Elio “Teba” Tebaldini, costruttore di cigar box guitars
  • Francesca Elena Monte, voce recitante

Fotografie di Giorgio Vergnano

è uno spettacolo teatrale? Forse no.
è un concerto? Forse sì.
“Teba” è un moderno Geppetto, un artista del riciclo, che, dagli scarti più impensati, ricava chitarre e oggetti sonori, seguendo l’antica arte del popolo nero che, nell’Ottocento, sotto il giogo dei padroni bianchi americani, ricavava strumenti a corda riciclando le scatole dei sigari provenienti da Cuba. A dar vita alle sue creazioni ci voleva la Fata Turchina: Max Carletti che, probabilmente, non ne ha il fisico, ma sicuramente la magia. Quando sono in azione, Max e Teba, non passano inosservati, così Mauro Comba non ha potuto trattenersi, per l’appunto, dall’osservarli e la voce di Francesca Elena Monte dal raccontarli e dal narrarli…  L’obiettivo di Giorgio Vergnano coglie l’essenza profonda della loro creatività: uno sguardo discreto, su quei particolari che fanno la differenza.


18/10/2019 e 19/10/2019

LUIGI MARTINALE QUARTET
con CLASSWING ENSEMBLE

del Conservatorio F.G. Ghedini di Cuneo

CUNEO | Teatro Toselli | 18 ottobre 2019 ore 21,00
Ingresso libero. 

PINEROLO | Teatro Sociale | 19 ottobre 2019 ore 21,00
Ingresso 12 euro, ridotti 8 euro (fino a 18 anni e oltre i 65).

  • Luigi Martinale, pianoforte
  • Cocco Cantini, sax tenore e soprano
  • Yuri Goloubev, contrabbasso
  • Zaza Desiderio, batteria
  • Gaia Sereno, violino
  • Luca Madeddu, violino
  • Andrei Imbrea, viola
  • Tommaso Cavallo, violoncello
  • Elena Sandrone flauto
  • Federico Macagno clarinetto
  • Gaia Capitani corno
  • Bruno Mosso direttore

Arrangiamenti originali di Bruno Mosso e Luigi Martinale

Avvicinare i mondi, creare legami e condividere esperienze musicali e professionali sono alla base di questo progetto originale ideato da Bruno Mosso, docente del Dipartimento Classico e Luigi Martinale, docente del Dipartimento Jazz presso il Conservatorio “Ghedini” di Cuneo. Un profondo lavoro di scrittura a quattro mani in cui la passione per la musica, senza barriere di genere, punta alla sintesi dei linguaggi, portando sullo stesso piano la libertà del jazz e il rigore della tradizione classica.


23/11/2019

HELGA PLANKENSTEINER & PLANKTON
“SCHUBERT IN LOVE”

elaborazioni dei Lieder di Franz Schubert

SALUZZO | Teatro Magda Olivero | 23 novembre 2019 ore 21,00

Ingresso 10 euro, ridotti 7 euro (fino a 18 anni e oltre i 65).

  • Helga Plankensteiner, baritone sax, clarinet, voice
  • Matthias Schriefl, trumpet
  • Gerhard Gschlössl, trombone
  • Michael Lösch, hammond organ, piano
  • Enrico Terragnoli, guitar, banjo
  • Nelide Bandello, drums

Plankton: un po’ gioco di parole (il nome del gruppo fonde assieme il cognome della sassofonista animatrice di questo sestetto con “ton”, che in tedesco sta per “suono”), un po’ metafora di una musica che fluttua tra vari stili, come il plancton si lascia trasportare dalle onde. 
L’altoatesina Helga Plankensteiner dimostra un talento sfaccettatto:
sassofonista, cantante, bandleader, compositrice.
La musica del suo nuovo sestetto, composto da artisti provenienti da entrambi i lati delle Alpi, conferma i suoi gusti eclettici: amore sia per la tradizione jazzistica che per la canzone d’arte mitteleuropea, arrangiamenti che fanno lo slalom tra il retrò e l’avveniristico, con una scrittura memore del sound delle big band e pronta sempre all’esplosione dinamica.
Soprattutto dal vivo, la musica di Plankton si libera con energia deflagrante, merito anche dei due fiati tedeschi: Matthias Schriefl e Gerhard Gschlössl sono solisti visionari, pronti a mandare in frantumi ogni prevedibilità musicale.


07/12/2019

OMAGGIO A GIGI DI GREGORIO

BAGNOLO P.TE | Teatro Silvio Pellico | 7 dicembre 2019 ore 21,00

Ingresso 10 euro, ridotti 7 euro (fino a 18 anni e oltre i 65).

prima parte TIZIANA CAPPELLINO e FRANCK TASCHINI

  • Tiziana Cappellino, pianoforte
  • Franck Taschini, sax tenore e soprano

seconda parte GIGI DI GREGORIO ENSEMBLE

  • Paolo Porta, sax alto
  • Alfredo Ponissi, sax tenore
  • Emilio Costantini, sax baritono
  • Sergio Chiricosta, trombone
  • Corrado Abbate, piano
  • Alessandro Chiappetta, chitarra elettrica
  • Saverio Miele, contrabbasso
  • Marco Puxeddu, batteria

ospite Franck Taschini, sax tenore e soprano

Gigi se ne è andato troppo presto, lasciando tutti nello sgomento. Ma di lui rimane un ricordo incancellabile, che si condensa nella rara capacità di entrare in sintonia con gli altri, in modo diretto e naturale; in un sorriso rassicurante e contagioso; in una concezione della vita intessuta di “profonda leggerezza”. Ci è rimasta -però- la sua musica, e ce ne riteniamo fortunati. Siamo pertanto felici ed orgogliosi di far risuonare le sue note a Jazz Visions.

La sua ultima formazione, per la quale aveva investito molta energia e creatività, continua a vivere, portando inoltre a compimento la registrazione di un CD col materiale su cui stava lavorando da tempo. Il monegasco Franck Taschini ha accettato il nostro invito, in nome di molta musica e amicizia condivisa con Gigi, aggiungendo i suoi sassofoni all’Ensemble e ricreando il Duo con Tiziana Cappellino.

ones

Marco Ughetto, appassionato di musica e giornalismo, chitarrista e cantautore amatoriale, si laurea in Cinema al DAMS di Torino nel 2014, con una tesi sui rapporti tra cinema e cultura digitale. Nel 2002, insieme ad altri quattro amici, dà il via alla prima versione di Groovin' - il portale della musica nel Pinerolese.

http://groovin.eu

One thought on “JazzVisions 2019, il programma completo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: