Groovin’ @ Spotify, la playlist di Gennaio 2020

Torna puntuale come ogni fine mese la playlist Spotify di Groovin’ con il meglio della musica pinerolese degli ultimi trenta giorni. Come sempre ad aprire la compilation sono le nuove uscite che anche nel 2020 sono iniziate copiose. Si parte con Silvio Merlin, cantautore perosino che ha recentemente annunciato di essere stato selezionato per la finale del concorso “Sanremo New Talent”, evento parallelo al più noto Festival della Canzone Italiana. Il 6 febbraio, l’artista salirà sul palco di Casa Sanremo in una serata che sarà trasmessa in diretta da uno dei canali musicali del pacchetto Sky. Nel frattempo è uscito il suo terzo singolo “Siamo tutti rockstar” che apre in grande stile la nostra selezione. A seguire, “In quelle trine morbide”, brano di apertura di “Break My Song” del Jazset Trio (Gilberto Bonetto – pianoforte, Luca Russo – basso, Edoardo Luparello – batteria), un album che rivisita in chiave jazzistica alcuni classici della canzone italiana, dal melodramma alla musica d’autore contemporanea. Terzo brano della nostra lista è il nuovo lavoro di Casalis, lancio per il progetto “Father & Son” di prossima pubblicazione, che fornirà una nuova veste a vecchie canzoni e che vedrà protagonista il cantautore lusernese insieme ai suoi figli. “La vita che prende la mira” è la nuova versione di uno dei successi del suo ultimo lavoro in studio dal titolo “Play”. Chiude questa prima parte di playlist un estratto da “Udito”, l’album di Aldo Mella uscito alcuni mesi fa e che finalmente è disponibile all’ascolto anche in forma liquida.

La seconda parte della playlist riguarda invece i protagonisti di alcuni articoli comparsi sulle nostre pagine nel corso del mese di gennaio. Si parte da “Prigioni Sonore”, l’album della Maxoil, si passa per i nuovi video di Quma, Romano Nervoso e Accordi Disaccordi, e si arriva all’album di Blind Reverendo e ai successi live dei Docker’s Guild. Questi ultimi, tra l’altro, sono stati i mattatori dell’apertura dell’Entropy Fest IV, che ha già messo in archivio la prima serata eliminatoria. I primi quattro gruppi che si sono sfidati li potete trovare in playlist proprio dopo la band di Douglas Docker, e sono nell’ordine Vertical Lines – primi finalisti -, I-Dea, Hands Off Cain e Fede Jon Laba.

Chiudiamo con una selezione di artisti collegati in modo più o meno diretto alla nostra scena musicale: il Vivaldi Metal Project, una rock opera che traduce nella lingua rock il grande compositore barocco, con “The Illusion of Eternity”, il cui testo è stato scritto da Douglas Docker; Adrenaline Bros., Narratore Urbano e Jambalaya 37, con alcune delle loro ultime pubblicazioni, che hanno annunciato l’uscita dei nuovi singoli prevista per le prossime settimane; e infine Giovanni Battaglino, che chiude la lista con il suo “La donna al fiume”, e con “O Generosa” di Giovanni Allevi, nel cui ultimo disco compare in veste di componente del Coro dell’Opera di Parma.

Buon ascolto!

Ones

ones

Marco Ughetto, appassionato di musica e giornalismo, chitarrista e cantautore amatoriale, si laurea in Cinema al DAMS di Torino nel 2014, con una tesi sui rapporti tra cinema e cultura digitale. Nel 2002, insieme ad altri quattro amici, dà il via alla prima versione di Groovin' - il portale della musica nel Pinerolese.

http://groovin.eu

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: