“Tutto da inventare”, il ritorno di Casalis

Il 2020 della musica pinerolese si chiude con il ritorno sulle scene, a distanza di circa un anno e mezzo dal precedente album “Play”, del cantautore lusernese Alessandro Casalis. “Tutto da inventare” infatti è da oggi disponibile sui principali store e sulle piattaforme di streaming, e col suo messaggio ottimistico e benaugurante si candida a essere il pezzo perfetto per queste festività natalizie decisamente sui generis, verso cui ci stiamo approssimando non senza un certo senso di disorientamento. 

In “Tutto da inventare” emerge la solita riflessività scanzonata con cui Casalis sa parlare del mondo e dei sentimenti. Leggerezza mai banale, che in questo caso si adagia su una struttura musicale semplice, dalle sonorità tendenzialmente acustiche, con rimandi alle ballate “à la Ligabue”, cui in parte ci aveva abituato anche nelle ultime due precedenti uscite discografiche. “Nonostante il periodo storico sia caratterizzato da incertezza e limitata spensieratezza – spiega Casalis sulla sua pagina Facebook – è una canzone che parla di leggerezza e del sentirsi bene dentro. È una storia consapevole del fatto che bisogna sempre guardare avanti, ma anche che tra i pensieri, i ricordi e le canzoni è possibile trovare quello che serve per poterlo fare nel migliore dei modi. Anche quando sembra “tutto da inventare” è possibile trovare ispirazione anche in una semplice canzone.”

Il brano, suonato dallo stesso Casalis con la collaborazione del pianista Carlo Peluso, vede l’importante partecipazione dell’ex chitarrista dei Bluvertigo Livio Magnini, oggi nello staff di rilevanti personaggi della musica italiana, tra i quali spicca il nome di Giorgia. Magnini, oltre ad avere eseguito le parti di basso, si è occupato, con “orecchio da produttore“, di tutto il missaggio. Non che Casalis abbia bisogno, dopo tre album alle spalle, di abbinare le proprie produzioni a nomi altisonanti per acquisire credibilità, ma il plus apportato dal curriculum di Magnini sottolinea ulteriormente il trend positivo che il percorso del cantautore ha da tempo intrapreso.

Per ora, si tratta solo di un singolo, ma Casalis ha comunicato di aver scritto almeno un’altra decina di canzoni negli ultimi mesi, per tanto ci attendiamo novità nel corso del 2021, magari sotto forma di un nuovo album. In attesa di un eventuale lavoro compiuto, di cui non mancheremo di approfondire i contenuti, vi proponiamo il videoclip di “Tutto da inventare”. Che sia di buon auspicio per un nuovo anno purificato dalle brutture e dalla sensazione di smarrimento con le quali da troppo tempo siamo costretti a convivere.

Ones

ones

Marco Ughetto, appassionato di musica e giornalismo, chitarrista e cantautore amatoriale, si laurea in Cinema al DAMS di Torino nel 2014, con una tesi sui rapporti tra cinema e cultura digitale. Nel 2002, insieme ad altri quattro amici, dà il via alla prima versione di Groovin' - il portale della musica nel Pinerolese.

http://groovin.eu

One thought on ““Tutto da inventare”, il ritorno di Casalis

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: