Sensazioni, sulla strada dei Nomadi

Pubblicità

I Nomadi rimangono uno dei più grandi misteri irrisolti della musica italiana. Una band che, nonostante i quasi sessant’anni di vita, riesce a riunire sotto la sua ala tre generazioni di appassionati e che fa il tutto esaurito ad ogni concerto. Un gruppo passato attraverso numerosi cambi di formazione, che ha resistito quasi indenne alla perdita del suo uomo simbolo, quell’Augusto Daolio scomparso nel 1992 per un male incurabile. Una band che ha venduto quindici milioni di dischi nella sua carriera e che continua a frequentare le hit parade con ottimi riscontri di vendita. E tutto questo, senza mai essersi adeguata ai tempi, mantenendo sostanzialmente immutata la propria impronta stilistica, riassumibile in un’anima beat dai tratti, talvolta, anche un po’ anacronistici. Eppure, malgrado questo essere fuori dal tempo, mietono successi a ogni lavoro o esibizione. Forse saranno gli evergreen che costellano le loro scalette o la denuncia sociale fatta soprattutto di sentimenti universali che non passano mai di moda, fatto sta che i Nomadi rimangono ancora oggi una delle band più amate in Italia.

Uno dei segnali inequivocabili di questa grande popolarità è il numero quasi incredibile di cover band che, insieme agli originali, continuano a diffondere il verbo in giro per la Penisola. In questo senso, anche il Pinerolese ha fatto la sua parte. Il nostro territorio ha, infatti, dato i natali a molte formazioni tributo, che negli anni si sono succedute sempre con ottimi riscontri. Il più noto tra i progetti ancora attivi è sicuramente quello delle Sensazioni. Un sodalizio nato nel 2007 nel quale militano personaggi che hanno praticamente dedicato un’intera vita artistica alla band di “Io vagabondo”. La particolarità del gruppo di Michelangelo Banchio e Pino Sardella risiede nel repertorio, incentrato prevalentemente sui Nomadi, ma che non tralascia di inserire in scaletta cover di altri artisti appartenenti al medesimo perimetro, come Guccini o Bertoli. O brani originali firmati dallo stesso Banchio, che naturalmente replicano tematiche e atmosfere dei più famosi omologhi. Giovedì 9 giugno saranno a Savigliano, in Piazza Santa Rosa, dove suoneranno “per la pace, contro tutte le guerre, per un futuro di libertà”. Questo concerto ci è gradita occasione per riscoprire brevemente la storia della band e dei musicisti che attualmente ne fanno parte, con le note biografiche e i curricula che le stesse Sensazioni hanno realizzato per la propria autopromozione.

Se invece volete rimanere aggiornati sulla loro attività, potete iscrivervi alla pagina Facebook ufficiale della band: https://www.facebook.com/Sensazioni-tributo-ai-Nomadi-182608565222820

Ones

sensazioni nomadi tribute band live a savigliano

Sulla strada dei Nomadi 

Questo è il motto caratterizzante la band Sensazioni, quasi un marchio di fabbrica per delineare una immagine diversa da quella di una classica cover band. Fondamentale rimane l’esperienza legata alla produzione degli anni mitici di Augusto Daolio, periodo dal quale vengono riproposti brani storici rinnovati e riletti in chiave personalizzata e originale. Accanto al successo di un tempo anche alcune delle cose più recenti a rappresentare 50 anni di storia nomade. Il gruppo affonda le radici in esperienze diverse e di lungo corso: 

Michelangelo Banchio (voce) canta le canzoni dei Nomadi ormai da 44 anni ed il chitarrista Pino Sardella le suona ormai da più di 20. 

Con loro il bassista Daniele Maranetto ultimo acquisto della band, il tastierista. fisarmonicista Lorenzo Malavenda ed il batterista Claudio Meirone. 

Ognuno di questi musicisti ha contribuito con la propria personalità a creare un sodalizio originale ed apprezzato. Sensazionali a tutti gli effetti sono anche Giorgio Audrito violinista e poli strumentista di raffinato gusto che aveva fatto parte della band qualche tempo fa e che talvolta torna on stage a impreziosire la musica con il suo strumento; e poi Lorenzo Meirone, che rinforza alcuni brani con le l percussioni. A loro si aggiunge poi Enzo Tumminello con il sax. 

Accanto alle canzoni dei Nomadi il set della band propone brani storici che vanno da Guccini a Bertoli, da De André a Bob Dylan, oltre ad alcune composizioni firmate dallo stesso Michelangelo Banchio. 

Nel 2013 le Sensazioni hanno preso parte ai festeggiamenti che si sono tenuti a Cesenatico in occasione del 50ennale dei Nomadi. 

Una delle caratteristiche peculiari del gruppo rimane l’impegno nella solidarietà a sostegno di associazioni che operano sul territorio.

MICHELANGELO BANCHIO (VOCE) 

Classe 1956 

Canta e suona in gruppi locali da quando aveva l’età di 14 anni. Ex insegnante con studi classici e umanistici, attualmente svolge lavoro di giornalista e speaker radiofonico. Appassionato di rock-progressivo, di letteratura fantasy e cinema, ama viaggiare appena ne ha l’opportunità. È stato per 7 anni la voce dei GAME, gruppo pop torinese e per 10 anni front-man dei SESTO SENSO cover band dei Nomadi. Scrive canzoni, alcune delle quali fanno parte del repertorio del gruppo. Ha vinto nel 91 e nel 92 il Karaoke con Fiorello e il fratello Fiorellino, partecipando al superkaraoke in piazza Duomo a Milano con Fiorello. 

Ha inciso con i GAME due 45 giri “Notte blues e “Giorgia” e con i SESTO SENSO 2 CD “Cosi lontano è il sole” e “L’’ultimo sogno del lupo”, dei quali è anche produttore, oltre al live in Bosnia del 18 luglio 1998. 

Lascia la band nell’inverno 2008 per incominciare questa nuova avventura con le SENSAZIONI. 

PINO SARDELLA (CHITARRE-VOCE) 

Classe 1967 

Nato a Riesi (CL) il 27/09/1967, incomincia a suonare la chitarra all’età di 12 anni, fondando con un gruppo di amici di quartiere la cover band KROON sperimentando negli anni la ricerca di un suo suono personale . Parallelamente intraprende gli studi di chitarra classica al Conservatorio “Corelli” di Pinerolo sino a diplomarsi in solfeggio al Conservatorio “G.Verdi” di Torino. Ma la chitarra elettrica domina e si perfeziona seguendo dei corsi privati dal maestro Miki Bianco insegnante all’accademia “Lizard “di Vercelli. Parecchi sono stati i gruppi locali dove ha suonato con diverse influenze musicali. Nell’anno 1989 con i Four B incide un brano sul vinile GENTI EMERGENTI edito dalla Sombrero Records. Nell’anno 1995 entra a far parte del gruppo SESTO SENSO cover band dei Nomadi, incidendo 2 CD. Nel 1998 e 99 con il gruppo partecipa ad una tournée in Bosnia Erzegovina a favore della pace in quella terra devastata dalla guerra. Abbandona il gruppo nell’inverno 2008. Nel 2009 diventa lead guitar del gruppo SENSAZIONI. Attualmente, continuando l’attività con la sua band, è chitarrista del Roby Salvai Quintet

DANIELE MARANETTO (BASSO) 

Classe 1964 

Inizia a studiare a 13 anni la chitarra classica all’Istituto musicale Corelli di Pinerolo (TO) passando poi a 16 anni al basso elettrico. 

Ha suonato in diversi gruppi iniziando nelle orchestre Folk e continuando nelle band pop e dance. 

Nel 2009 fu l’ideatore fondatore della tribute band a Vasco Rossi BLASCOMANIA, facendone tutt’ora parte come bassista. 

Nel novembre 2018 entra a far parte della tribute band ufficiale ai nomadi SENSAZIONI . 

CLAUDIO MEIRONE (BATTERIA) 

Classe 1963 

Inizia studiando chitarra classica al Corelli di Pinerolo, ma la passione per il rock lo porta prima al basso negli Age, e infine alla batteria negli Ars, Backstage, I Tre della Piazza, Affittasi Cantina, Big Mama, 3gloditi, Treg, collezionando più di 200 concerti, fino all’inverno del 2008 dove incomincia la sua avventura con le SENSAZIONI. 

LORENZO MALAVENDA (TASTIERE- FISARMONICA) 

Classe 1983 

Inizia a studiare musica all’età di 17 anni da autodidatta come tastierista. Appena ha 18 anni inizia a suonare come tastierista nel suo primo gruppo di musica da ballo. All’età di 22 anni per esigenze di orchestre inizia a studiare la fisarmonica con il maestro Marenco laureato a pieni voti al conservatorio di Milano in fisarmonica classica. Nel 2009 vince il primo premio al concorso di Belveglio per fisarmonicisti amatoriali nella categoria fino a 30 anni. Continua a suonare in vari ruppi di musica da ballo fino al 2012 quando decide di tornare a suonare le tastiere e inizia la sua avventura con il gruppo le SENSAZIONI dove suona tuttora. 

GIORGIO AUDRITO (VIOLINO) 

Classe 1986 

Nato a Moncalieri il 17 dicembre 1986, già dall’età di 8 anni decide di dedicarsi alla musica e inizia con il violino i suoi studi all’Istituto Musicale Corelli di Pinerolo. Dopo qualche anno il suo interesse si sposta però sul pianoforte e all’età di 20 anni, seguito dalla pianista Claudia Rostagno, ne consegue con successo il diploma presso il conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. Nel frattempo inizia anche gli studi di composizione e organo, che ormai ha quasi completato, pur senza mai abbandonare il violino. Ha al suo attivo diversi concerti di musica classica come pianista e organista, e ha composto colonne sonore per due film muti del Museo del Cinema di Torino, un cortometraggio per il VR&MM Park di Torino, e musiche d’ambiente per la mostra “lo sport nella scienza e nell’arte” a Ottobrescienza. 

Il suo interesse per la musica è a 360 gradi e non manca una grande passione per la musica leggera, che ha potuto manifestarsi nell’ultimo periodo frequentando per tre anni i corsi della Hope Music School (con docenti del calibro di Massimo Varini, Fabio Liberatori, Stefano d’Orazio), partecipando nel frattempo a qualche piccolo progetto di musica leggera nel Pinerolese, e scrivendo anche alcune canzoni, fino ad adesso che è entrato con entusiasmo a far parte del gruppo SENSAZIONI come violinista. 

VINCENZO TUMMINELLO (SAX) 

Classe 1965 

Ha suonato fin da ragazzo in numerose band della provincia di Torino avendo all’attivo molti concerti live in discoteche e locali. È stato membro attivo nella banda musicale ANA di Pinerolo. I suoi generi spaziano dal liscio al sudamericano, dalla musica soft alla dance. Nel 2018 entra a far parte, per arricchire alcuni brani, nella band delle SENSAZIONI 

ones

Marco Ughetto, appassionato di musica e giornalismo, chitarrista e cantautore amatoriale, si laurea in Cinema al DAMS di Torino nel 2014, con una tesi sui rapporti tra cinema e cultura digitale. Nel 2002, insieme ad altri quattro amici, dà il via alla prima versione di Groovin' - il portale della musica nel Pinerolese.

http://groovin.eu

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: