LIVE IN TEATRO – Roby Salvai Ensemble

Pubblicità

Ne è passato di tempo da quei giorni del 1978, quando entrai per la prima volta in un vero studio di registrazione. Un buco minuscolo perso nei vicoli del centro storico di Pinerolo. Eppure immenso. Ai nostri giovani occhi la Sombrero Records del Maestro Mario Scrivano era qualcosa di quasi soprannaturale: le bobine del Fostex a 16 tracce, il banco in regia, la camera della batteria. Gli Sennheiser così sensibili che in cuffia sentivi il suono delle labbra che si schiudevano. Tutta, ma proprio tutta la musica del Pinerolese è passata per la sala di Mario e, in fondo, è rimasta impregnata del profumo intenso del tabacco Latakya che fumava nella sua pipa.

Ne è passato di tempo, dicevo. Più di 40 anni. Molte cose sono cambiate da allora. Sono cambiato io, è cambiata la musica, sono cambiate le persone intorno a me, i luoghi, i progetti. Di quel mondo di primi vagiti musicali è rimasto però immutato il pulsare, potente, della creatività. E, esattamente come allora, il desiderio e la reale necessità di avere come obiettivo, parlando di musica, non un disco o la registrazione figata, ma semmai il palco. La spinta più forte, oggi come allora, è il condividere con la gente ciò che abbiamo creato, ciò che ci sembra bella musica, che ci piace suonare e che pensiamo sia bella da ascoltare. Il palco e la sua energia straordinaria. E, ne sono convinto, nessuno studio riuscirà mai a trasmettere la stessa carica potente che un brano riesce ad avere dal vivo, in quei momenti magici di sinergia tra i vari musicisti in cui la musica proprio pulsa, prende il volo, trasmette robe, arriva dritta alla pancia.

Oggi, a 58 anni, che ho la fortuna di fare musica con maestri eccellenti, che mettono anima nel suonare ciò che io scrivo, credo che queste mie canzoni trovino la loro massima espressione sul palco di un teatro. La qualità sonora di un live supportato da fonici di mestiere ha raggiunto livelli altissimi. E il digitale, tecnicamente, ha reso infinitamente più semplice la realizzazione di registrazioni live di pulizia e resa sonora impensabili solo 15 anni fa. Il mio Ensemble ha suonato molto dal vivo in questi ultimi 2 anni: quasi 30 date, la quasi totalità in teatri e piazze, proprio perché è musica d’ascolto.

roby salvai ensemble live in teatro teatro bertello

Ho pensato di raccogliere le registrazioni di due di questi concerti in 2 CD, entrambi dal titolo “Live in Teatro”. Tracce non remixate, registrate non in multitraccia quindi non modificabili. Volutamente genuine, probabilmente imperfette ma sincere. Di discreta qualità audio ma straordinariamente potenti nel trasmettere ciò che questa mia musica esprime da un palco. Regolarmente vidimati alla Siae e autoprodotti, non sono certamente CD professionali. E non vogliono esserlo. Proprio per questo motivo sono venduti (anche presso Rocker Dischi) a un prezzo assolutamente popolare, sotto i 10 euro. Ma non per questo meno interessanti.

Volevo che restasse il segno dell’energia che i miei fratelli musicisti sanno trasmettere da un palco… Gli ottimi suoni di Luca Martinasso di Power Lights Services, Cumiana, mi hanno permesso di imprimere su CD quell’energia. “Live in Teatro Bertello” e “Live in Teatro Baudi di Selve” sono la mia, la nostra musica esattamente come esce dalle casse in sala. Sono il mio orgoglio di avere accanto i maestri Max Moriena, Micky Chiaravalloti, Giorgio Damiano, Pino Sardella e Luca Corongiu. Sono esattamente ciò che a 15 anni sognavo diventasse la mia musica. E, con un po’ di rossore pudìco, sono il mio invitare ad ascoltarci chi ancora non ha avuto occasione di farlo: sono convinto vi piacerà.

Roby Salvai e i suoi amici:

Passolento“, Spotify music free, Live in Boves, 16/7/21

“Live in Teatro” , Teatro Bertello, Borgo San Dalmazzo, 3/12/21

Live in Baudi di Selve “, Teatro Baudi di Selve, Vigone, 21/5/22

roby salvai ensemble teatro baudi di selve concerto per la pace vigone

Per quanto riguarda il CD “Live in Baudi di Selve”, contiene, oltre al concerto del Roby Salvai Ensemble, anche il tributo di alcuni grandi autori del Pinerolese che, in quell’occasione, hanno suonato e cantato ciascuno un mio brano: Giancarlo Cappellari ha cantato “Fuori tempo”, accompagnato dal maestro Max Moriena. Simona Chiriotti ha cantato “E lo sa soltanto il mare”, accompagnata da me alla classica e dai Maestri Max Moriena e Michele Chiaravalloti. Idem Giovanni Battaglino che ha cantato “Topolino e Paperino”. Un tributo particolare è stato fatto dai Maestri Daniele Bianciotto, Mario Bellia e Lucio Cassinelli che hanno suonato e cantato la mia “Libera” in un loro arrangiamento unplugged. Su quel palco, per un istante, sono ricomparsi gruppi storici del 1980 pinerolese, dagli Esdra ai Whitefire. Da ricordare, poi, tra gli ospiti, anche il Maestro Enrico Fuscà, che ha sostituito al violino Giorgio Damiano. Ed infine l’ultimo brano del concerto, che è stato suonato insieme dal Roby Salvai Ensemble e dalla banda La Vigoneisa, con tanto di majorettes. Insomma una serata straordinaria, presentata in modo sublime da Dana Carolina Bertone e Johnny Mastafive insieme al team di Radioformusic.it, tutta raccolta in questo live casalingo ma colmo di emozioni.

Roby Salvai

Roby Salvai

Pinerolese. Musicista da 50 anni. Guida professionista in Africa per quasi due decenni. Scrittore per Effatà Torino, Polaris Firenze, Mucchi Modena, Prospettiva Editrice Roma. Ha collaborato con Edt Lonely Planet.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: