IN TEATRO – Collettivo Cantautori Pinerolesi

Il Collettivo Cantautori Pinerolesi costituisce una delle realtà più concrete tra quelle attualmente attive sul nostro territorio. Nato nel 2016 con lo scopo di promuovere sinergie efficaci e interazioni artistiche inedite, da circa un lustro coordina con successo le attività dei suoi componenti. In questi primi cinque anni di vita il Collettivo ha accolto a bordo i migliori esponenti della categoria; ha organizzato numerosi eventi, tra tour itineranti, serate a tema, concerti in teatro, piazze e locali vari. Grazie al suo intervento, i nomi di spicco della nostra scena si sono potuti esibire su palchi condivisi, in spettacoli multiformi ed eterogenei. Mancava soltanto una produzione discografica per testimoniare compiutamente la ricchezza del proprio percorso.

Tale vuoto è stato colmato da qualche settimana con la pubblicazione di “In Teatro”, EP con alcune delle performance più significative tra quelle registrate durante la Maratona Cantautori del 24 aprile scorso. A beneficio di chi si fosse lasciato sfuggire l’evento, la Maratona Cantautori si tenne a metà primavera sul palco del Teatro Sociale di Pinerolo. Eravamo ancora nel pieno del secondo lockdown e l’evento ebbe una grande risonanza mediatica. Non solo per la qualità intrinseca dei suoi protagonisti, ma anche e soprattutto per il suo forte valore simbolico. I lavoratori del settore, ma anche tutti coloro che, pur non facendone una professione, vivono l’arte come un indispensabile veicolo comunicativo ed emozionale, erano al palo, imprigionati dalle regole prescritte dall’emergenza sanitaria. Ma anche il pubblico era bandito dagli spettacoli, costretto a un’implacabile sete di musica live. Non stupiscono quindi i numeri della serata. Più di 3500 connessioni alla diretta Facebook. Un’inondazione di canzoni per un evento-fiume che a partire dal tardo pomeriggio ci tenne compagnia fino a notte.

Da quella suggestiva carrellata di chansonnier pinerolesi – a cui si aggiunse qualche ospite “forestiero” – sono state oggi estrapolate le nove tracce finite nella scaletta di “In Teatro”. Nell’album sono rappresentati gli autori attualmente più attivi sulla scena pinerolese. La maggior parte rispettano l’iconografia tradizionale del cantautore “chitarra e voce”, come Callistenìa, Casalis, Ivan Audero e Giovanni Battaglino, di cui in passato abbiamo ampiamente parlato sulle nostre pagine. Tra questi anche il sorprendente Fabio Pasquet – qui con il fisarmonicista Samuele Pigliapochi – per il quale le definizioni di autore e musicista di spessore vanno ad aggiungersi a quella già nota di colto e coinvolgente narratore di faccende musicali e letterarie. Come parziali eccezioni al binomio sei corde-corde vocali, segnaliamo anche La Quadrilla e Attilio Riccardi, in cui la fisarmonica di Nicola Lollino, nel primo caso, e la struttura ritmica di stampo elettronico di Kasko, nel secondo, vanno ad arricchire la gamma timbrica dell’intero album.

A completamento della tracklist chiudono “L’aria” del duo Davide Bertello/Mapi Gillio e “Ancora una volta” dei BNB. La prima è la versione acustica di un vecchio successo del Grande Circo Barnum, la band con la quale Davide e Mapi si sono fatti conoscere ai più quasi una ventina d’anni fa. La loro esibizione è stata probabilmente uno dei momenti più suggestivi dell’intera serata. Un po’ perché lo specifico accostamento vocale ci riporta indietro nel tempo, un po’ perché le canzoni di Bertello hanno sempre un che di visionario. Ma anche perché le due voci si integrano sempre perfettamente. L’alchimia quasi magica che già a suo tempo sapevano ricreare sembra non essere andata persa nel corso del tempo. Anzi, pare addirittura essersi affinata, sembra aver acquisito struttura, come i vini buoni. Quanto ci piacerebbe che l’esperimento non si risolvesse in una comparsata estemporanea, ma che fosse preludio a una collaborazione continuativa. Siamo certi che funzionerebbe molto bene! “In Teatro” termina poi con l’esibizione acustica dei BNB, in versione “duo” con i soli Luana Barnabà e Gianluca Nardelotto, piacevole rivelazione dell’estate, con il disco d’esordio in dirittura di arrivo.

L’album è, in definitiva, anche un omaggio alla filosofia che sta dietro al Collettivo. L’idea di superare gli individualismi, insiti nella concezione contemporanea di cantautore, senza snaturarne l’individualità. Convogliare le energie per evitarne la dispersione. Offrire punti di vista e singole interpretazioni del ruolo. Fare cultura attraverso la collaborazione. Creare macrotesti innovativi attraverso l’interscambio creativo. Tutto questo è raccontato perfettamente dentro “In Teatro”. Nessuna linea stilistica specifica accomuna le nove strade cantautoriali rappresentate. Anzi, è la varietà tradotta in eclettismo il suo vero punto di forza. Un racconto comunitario in cui si intrecciano singole e personali visioni della forma-canzone, del mondo e della vita.

Sicuramente un buon ascolto!

Ones


Aggiornamento del 22/09/2021

Pubblicati i video della Maratona Cantautori (Teatro Sociale di Pinerolo, 24/04/2021)

ones

Marco Ughetto, appassionato di musica e giornalismo, chitarrista e cantautore amatoriale, si laurea in Cinema al DAMS di Torino nel 2014, con una tesi sui rapporti tra cinema e cultura digitale. Nel 2002, insieme ad altri quattro amici, dà il via alla prima versione di Groovin' - il portale della musica nel Pinerolese.

http://groovin.eu

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: