Festa della Musica 2021, un evento che sa di ripartenza

La Festa della Musica del 21 giugno è diventata ormai una consuetudine. Dal 1994 è entrata a far parte di un calendario di manifestazioni coordinate dal Ministero dei Beni Culturali e da allora è diventata una ricorrenza diffusa. Tra l’altro coincide con quello che per abitudine si considera come il solstizio d’estate e l’inizio della stagione delle vacanze. Il momento in cui la natura è al massimo della sua rigogliosità, quando la vita esplode in tutti i suoi profumi, colori e suoni. Una deflagrazione che quest’anno sarà ulteriormente rafforzata dal particolare momento che stiamo vivendo. Un anno e mezzo in cui le occasioni di socialità si sono drasticamente ridotte, se non addirittura annullate. Un lungo periodo durante il quale l’arte ha dovuto giocoforza ricercare strade nuove ed inconsuete. Certamente creative, ma che non hanno niente a che vedere con quel contatto tra artista e pubblico, alla base di tutte le esperienze culturali più significative.

Per questo la Festa della Musica 2021 è un evento che sa di ripartenza, di voglia di ricominciare, anche grazie all’agognato allentamento delle restrizioni che lo scorso anno avevano inibito queste celebrazioni nelle modalità tradizionali. Un suggestivo concerto da una terrazza privata, con vista sulla città, aveva permesso di non perdere del tutto l’occasione per dare segnali di salute. Ma certo, ripartire da un teatro con il pubblico in sala avrà tutto un altro sapore. La musica tornerà finalmente a calcare i palchi che le sono più consoni. Ci sarà anche una diretta Facebook dalla pagina “Città di Pinerolo”. Ma sarà negli spazi del Teatro Sociale che si consumerà appieno l’edizione 2021, con un roster di artisti eterogenei, degni rappresentanti della Pinerolo che suona e canta.

La serata sarà intanto occasione per la presentazione dei brani inediti di una nuova band, i BNB Music MMXX, ma ritroveremo anche vecchie e nuove conoscenze della musica pinerolese. Da Marco Priotti, salito alla ribalta nazionale nell’edizione 2018 del talent The Voice of Italy, con un disco in uscita entro fine anno, al Collettivo Cantautori Pinerolesi, rappresentato da Giovanni Battaglino, Attilio Riccardi e Callistenìa. E poi il gruppo corale Accordissonanti e gli allievi della Albert Music School, una delle più interessanti realtà didattiche del nostro territorio. A scandire il ritmo delle esibizioni ci saranno poi momenti di riflessione e dibattito, con interventi moderati da Mariapaola Gillio, presentatrice della serata. Parteciperanno esponenti dell’amministrazione locale, anche in virtù del patrocinio offerto dal Comune di Pinerolo all’evento. Ma non mancheranno rappresentanti, a vario titolo, dell’ambito musicale locale.

Sarà un momento per celebrare la musica non solo in quanto espressione artistica. A tenere banco sarà soprattutto la voglia di ricominciare, di tornare alla normalità, dopo gli sconvolgimenti provocati dal Covid. Farlo con la musica significherà anche riconoscerle un potere taumaturgico e apotropaico, oltre che aggregativo e socializzante. Un mezzo con cui lasciarsi alle spalle le recenti difficoltà e guardare al futuro con ottimismo.

Per meglio comprendere la portata dell’edizione 2021 della Festa della Musica di Pinerolo, abbiamo incontrato Gianluca Nardelotto, membro dei BNB e, dallo scorso anno, Direttore Artistico della manifestazione. Gianluca si è concesso per questa breve intervista, da cui emergono le percezioni di chi, da settimane, sta lavorando alacremente per la buona riuscita del concerto. La chiacchierata è anche occasione per accennare al suo nuovo progetto musicale, i BNB Music MMXX, per i quali il live del 21 giugno rappresenta anche il debutto ufficiale.

Ones


A Pinerolo, come in tutta Italia, il 21 giugno di ogni anno si celebra la Festa della Musica. Ma quest’anno la ricorrenza avrà un sapore del tutto particolare. L’anno scorso, in piena pandemia, l’evento si tenne su una terrazza privata con vista sulla città perché non era possibile organizzare eventi in luoghi pubblici. Quest’anno si torna a teatro, con il pubblico in sala. A una settimana dalla serata qual è la sensazione che accompagna voi organizzatori e artisti?


La sensazione è duplice, da un lato non vediamo l’ora che sia lunedì! Per vivere questo ritorno che poi per alcuni, come ad esempio per i BNB è un vero e proprio debutto; dall’altro ci stiamo gustando e godendo tutte le attività accessorie, le prove in saletta, le interviste, la distribuzione delle locandine, le varie incombenze dettate dalla necessità di garantire il pieno rispetto dei protocolli Covid. Tutte attività a corollario del concerto vero e proprio, ma che ti impegnano la testa e le giornate incrementando ancora di più l’attesa. Consci che saliti sul palco alle 20.30, di lunedì 21 giugno, in un batter d’occhio saranno già le 23! I riflettori si spegneranno e la serata rimarrà uno splendido ricordo da conservare nel cuore, con la mente già proiettata alla prossima tappa!


Durante la serata si alterneranno musicisti di varia estrazione, cantautori, band, persino un gruppo corale. Come sono stati scelti gli artisti inseriti nel programma?


La scelta è stata volutamente orientata su artisti pinerolesi, trattandosi della Festa della Musica di Pinerolo, ma la ricerca è stata finalizzata ad offrire al pubblico presente in sala e collegato in streaming da Facebook, uno spaccato del sottobosco musicale locale, che spazia, nonostante lo stop forzato dal Covid, appunto dal gruppo corale, alla rock band, al cantautorato.

La pandemia ha avuto influenze estremamente negative sulle nostre vite, in primis dal punto di vista sanitario, ma anche economico e sociale. Il mondo dello spettacolo è stato tra i settori più colpiti. Che cosa significa secondo te festeggiare la musica nel 2021 dopo un anno così difficile?


Più che un festeggiamento, sarà la celebrazione della musica. Personalmente sono e sarò sempre riconoscente alla musica perché anche in quest’occasione, durante una pandemia, si è dimostrata uno stimolo per generare idee, stimolare socialità, aggregare menti e ritrovare amici legati da quella passione in comune che si chiama musica.


Il 21 giugno è tradizionalmente l’inizio dell’estate e quest’anno coincide anche con la fine del coprifuoco che da mesi limita la nostra libertà di spostamento nelle ore serali. La Festa della Musica di quest’anno ha quindi anche un forte valore simbolico di rinascita, di ripartenza e anche di speranza. Da Direttore Artistico dell’evento, come vedi il prossimo futuro per la musica e l’arte in generale?


Non voglio sbilanciarmi troppo poiché anche lo scorso anno, in questo periodo, vedevamo nella festa della musica del 21 giugno un nuovo inizio, poi tutti abbiamo visto cosa ci aspettava nei mesi a venire. Nell’immediato futuro vedo tanta voglia di tornare a socializzare, nei bar, per strada, e naturalmente ad un concerto. I grandi della musica, con una solida organizzazione alle spalle, sono già tutti in pista con tournée belle che definite, c’è voglia di uscire, di ricominciare a godere della musica, dell’arte, che permea ogni angolo di questa nostra bella Italia.


Una domanda relativa a un argomento che ci riguarda da vicino. Tu sei protagonista del mondo musicale pinerolese da più di trent’anni, quindi è un ambito che conosci molto bene. Come vedi lo stato di salute della nostra scena?


Ti ringrazio, io sono solo uno dei tanti che, come te, non riesce a fare a meno della musica, è un qualcosa che abbiamo dentro, un po’ come essere del Toro, nonostante tutto! Il mondo musicale pinerolese è vivo più che mai, ma si arrangia come può! Ha continuato a vivere la sera nelle cantine, dopo una giornata di lavoro, e rientrare a casa presto per il coprifuoco, ma è anche spesso entrato nelle case di molti appassionati attraverso i social, le dirette streaming su FB, Instagram; e molta gente tradizionalmente disinteressata, ha scoperto un mondo fatto di passione, sacrifici e tante ore di prove, che ora con la riapertura sta ripagando presenziando ai concerti, alle serate… e poi ci sono i Måneskin, che zitti e buoni hanno fatto scoprire ai più giovani il fascino del basso! Ma ti rendi conto! È l’inizio di un nuovo round!


L’evento sarà anche occasione per l’esordio dei BNB, una nuova band composta da te, Luana Barnabà ed Enrico Battaglino, con un disco in uscita a fine estate. Ci puoi raccontare qualcosa di questo progetto e anticipare qualcosa dell’album e delle linee stilistiche che vi caratterizzano?


Sono molto soddisfatto del progetto con Luana ed Enrico. Ho conosciuto Luana grazie ad un contest nel 2016 e mi sono subito innamorato della sua grinta, non avrei mai detto che da lì a pochi mesi avremmo iniziato a scrivere insieme i primi pezzi. È nata una bella e sincera amicizia che ci ha portato tra l’altro a condividere l’emozione di calcare il palco del teatro Ariston di Sanremo per le finali del Roxy Bar di Red Ronnie nel 2017. L’incontro con Enrico Battaglino risale al 2019, stavo lavorando con i MaxOil al minitour promozionale dell’album “Prigioni sonore” ed Enrico è entrato a far parte della band in sostituzione del batterista storico, ma purtroppo quel minitour non ha mai avuto inizio e l’arrivo del Covid ha fatto il resto. Con il lockdown a inizio 2020 avevo bisogno di nuovi stimoli, Luana rientrava dalla maternità ed Enrico aveva una voglia matta di suonare… è così che sono nati i BNB Music MMXX. L’incontro è stato esplosivo, con la giusta determinazione in pochi mesi abbiamo composto e registrato una decina di brani che troveranno casa nell’album che uscirà a fine estate, anticipato da “Lockdown”, il singolo che uscirà il 21 giugno su tutte le piattaforme digitali, distribuito dalla Reheego Music UK. Quale momento migliore di un lockdown, per lanciare una nuova band?


Evidentemente sono molti i motivi per esserci. Per la qualità delle proposte ma anche per il valore simbolico della serata. Purtroppo, per rispettare i protocolli anti-Covid ancora vigenti, i posti disponibili in sala saranno limitati. È consigliabile dunque prenotare in anticipo. Nel comunicato stampa che condividiamo di seguito potete trovare tutti i dettagli artistici e organizzativi, comprese le modalità da seguire per acquistare il vostro biglietto. Affrettatevi perché stanno terminando.

Ah, un’ultima cosa, noi di Groovin’ ci saremo, vorrete mica mancare proprio voi?

Buona musica e buona estate a tutti.

Ones


Aggiornamento del 22/06/2021

Vi siete persi la serata? Poco male. Sulla pagina Facebook “Città di Pinerolo” potete trovare il video integrale della serata. Intorno all’ora e venti, trovate anche il nostro intervento, che è sicuramente marginale rispetto alla centralità della musica. Buon ascolto!

 BNB MUSIC MMXX LIVE (pop-rock italiano)

presentano in anteprima i brani dell’album d’esordio Lockdown

       in uscita a fine estate

warm up e after show

CORO POLIFONICO ACCORDISSONANTI

GIOVANNI BATTAGLINO

CALLISTENIA

PIETRO CARITA’

MARCO PRIOTTI

ATTILIO RICCARDI + KASKO

presenta

Mariapaola “Mapi”  Gillio

Intervengono

Luca Salvai – Sindaco di Pinerolo

Francesca Costarelli – Vicesindaco e Assessora alle attività produttive, turismo, manifestazioni e sport

Gianluca Nardelotto – direttore artistico e organizzazione / Manuel Lardaruccio – Rocker Dischi /

Francesca Ficara e Pietro Carità – Albert Music School – Riserva Sonora  / Marco Ughetto – Groovin

Il 21 giugno di ogni anno dal 1982 si celebra la Giornata Europea della Musica. In Italia dal 1994 è stata inserita come Festa della Musica nel calendario delle manifestazioni popolari con il coordinamento del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo. 

L’edizione 2021 della Festa della Musica di Pinerolo, realizzata con il Patrocinio della Città di Pinerolo, si avvale, per il secondo anno consecutivo, della direzione artistica di Gianluca Nardelotto, chitarrista e anima dei MaxOil, volto noto nella scena musicale pinerolese. 

La collaborazione con il Comune di Pinerolo” ci racconta Gianluca “ed in particolare con l’Assessorato alla Cultura e Turismo, nasce nel 2020, con l’evento denominato Live dalla terrazza su Pinerolo trasmesso in streaming e visualizzato da migliaia di persone;  eravamo pronti a riproporre lo stesso format, poi, la progressiva apertura che consente la presenza in sala di un pubblico, seppur contingentato, ci ha convinti ad aprire le porte del Teatro Sociale, importante polo culturale del pinerolese “ 

Con il vincolo delle restrizioni imposte dal protocollo Covid abbiamo optato per una line-up minimale, ma a nostro avviso, in grado di essere apprezzata da un pubblico variegato. La serata del 21 giugno sarà un’opportunità per tutti, sotto diversi punti di vista. C’è chi come i BNB proporrà in anteprima i brani dell’album d’esordio che uscirà a fine estate; chi come gli Accordissonanti si è rimesso in moto dopo mesi di stop; ci saranno alcuni rappresentanti del Collettivo Cantautori Pinerolesi (Riccardi+ Kasko, Giovanni Battaglino, Callistenia), che si stanno affermando come realtà più unica che rara nel panorama cantautorale piemontese e non solo; sarà con noi Marco Priotti che proprio in questi mesi sta lavorando alla produzione dei suoi nuovi brani da solista; ci saranno gli allievi dell’Albert Music School, ed alcuni di loro avranno la possibilità di calcare questo prestigioso palco e ultimo, ma non per ordine di importanza, ci sarà il pubblico, che finalmente potrà godere di un concerto dal vivo. 

Insomma, si preannuncia una bella occasione per ricominciare “a far tardi”, visto che proprio il 21 giugno sarà finalmente soppresso il coprifuoco.

L’evento è stato reso possibile grazie alla disponibilità del Comune  di Pinerolo di mettere a disposizione il teatro, ma anche grazie al supporto di molti amici, imprenditori e commercianti pinerolesi, amanti della musica ed in particolare della musica live, che hanno accettato di fornire un contributo nonostante il lungo periodo di sofferenza, anche economica, a cui tutti siamo stati sottoposti. E’ a loro in particolare che va tutta la nostra riconoscenza.” Gianluca Nardelotto

Durante la serata si alterneranno momenti musicali a dibattiti introdotti e moderati da Mariapaola “Mapi” Gillio, giornalista pubblicista e speaker radiofonica, si occupa di cinema e musica, collabora con l’Associazione Piemonte Movie, il Seeyousound International Music Film Festival, l’Eco del Chisone e Radio Beckwith, emittente per cui conduce il programma di informazione musicale Station To Station.

I biglietti d’ingresso sono numerati ed il loro costo è di 7 / 8 / 9 euro a seconda del settore scelto (loggione, platea, galleria) e possono essere acquistati in prevendita (senza costi aggiuntivi) presso Rocker Dischi, in via Duca degli Abruzzi 4 a Pinerolo, oppure il giorno dell’evento presso la biglietteria del Teatro Sociale, a partire dalle ore 19.30, fino ad esaurimento posti.

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina facebook di Città di Pinerolo.

 
https://www.facebook.com/CittadiPinerolo
https://www.facebook.com/BNBMusicMMXX
https://www.instagram.com/bnbmusicmmxx/

ones

Marco Ughetto, appassionato di musica e giornalismo, chitarrista e cantautore amatoriale, si laurea in Cinema al DAMS di Torino nel 2014, con una tesi sui rapporti tra cinema e cultura digitale. Nel 2002, insieme ad altri quattro amici, dà il via alla prima versione di Groovin' - il portale della musica nel Pinerolese.

http://groovin.eu

One thought on “Festa della Musica 2021, un evento che sa di ripartenza

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: