NIGHTS IN YOUR BEDROOM – Alessandro Petacca

Dopo il singolo “Breathe” pubblicato in estate, a fine 2020 è uscito “Nights In Your Bedroom”, il primo album di Alessandro Petacca. Petacca è un artista indissolubilmente legato alla scena hip-hop pinerolese. Alcuni anni fa, insieme all’amico Falce, dava il via alla storia del Gym Studio Music, collettivo attorno al quale girano le principali istanze contemporanee del genere nella nostra area. Un marchio che, tra l’altro, sta ottenendo importanti riscontri anche a livello nazionale. I più recenti successi riguardano i passaggi su MTV e l’accesso alle playlist ufficiali di Spotify. Ma quando smette i panni di Peta – questo il suo nick da rapper – Alessandro recupera il nome di battesimo e si dedica alla composizione di brani strumentali. Motivi brevi, di stampo tendenzialmente elettronico, lontani dagli stilemi hip-hop e forieri di atmosfere rarefatte e suggestive.

“Nights In Your Bedroom” è una raccolta di nove tracce, unite tra loro dal sottile filo del tema sentimentale. L’autore lo spiega bene sulle sue pagine social, in cui aforisticamente riconduce l’anno appena terminato a un periodo di “tanti sbagli, errori, successi, mosse giuste, superficialità, intensità“. “Ho dato ed avuto – prosegue Petacca – poi a un certo punto è cambiato qualcosa e non solo per me, parlo della donna a cui ho dedicato questo album“. Nella musica del producer cumianese confluisce ovviamente tutto il suo background artistico e professionale. L’applicazione dell’elettronica all’arrangiamento riveste infatti un’importanza fondamentale nel suo mondo. E nel suo nuovo lavoro, questo aspetto emerge senza compromessi. Per altro, anche con una buona qualità a livello armonico e timbrico, senza mai sconfinare in eccessivi sperimentalismi. Il risultato è un album funzionale all’ascolto puro, che evidenzia forti debiti verso estetiche ambient e chill-out.

Un lavoro che spiazza chi si aspetta il Peta di sempre, ma che ne mette in luce la personalità multiforme e comunque coerente. La continuità del suo percorso va ricercata soprattutto nella sua formazione, che ha molto a che fare con le potenzialità della tecnologia, tra studi di sound design per videogiochi e di social media marketing. Non solo composizione e arrangiamento, dunque, ma anche didattica e management. Nel settore, tra l’altro, Petacca è anche un competente divulgatore. Vi segnaliamo a tal proposito il suo blog, in cui potete trovare le sue videolezioni. Di particolare interesse, le istruzioni per orientarsi nell’intricata giungla della distribuzione musicale ai tempi di Internet.

L’album è interamente ascoltabile sui principali canali di musica liquida. Noi ve lo condividiamo tramite un link alla pagina di Spotify, dove potete trovare anche il precedente singolo. Da ascoltare al buio in occasione di una serata romantica. Buon ascolto!

Ones

ones

Marco Ughetto, appassionato di musica e giornalismo, chitarrista e cantautore amatoriale, si laurea in Cinema al DAMS di Torino nel 2014, con una tesi sui rapporti tra cinema e cultura digitale. Nel 2002, insieme ad altri quattro amici, dà il via alla prima versione di Groovin' - il portale della musica nel Pinerolese.

http://groovin.eu

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: