GREAT OPERATIC MOMENTS – Eva Helde (Direzione: Claudio Morbo)

Sostieni Groovin'

Nessuno è profeta in patria. Il detto vale, a maggior ragione, per Claudio Morbo, Direttore d’Orchestra pinerolese che, alcuni anni fa si è visto quasi costretto ad andare a cercare gloria lontano da casa. Addirittura in Ungheria, a Budapest. Dopo una decina d’anni alla guida dell’Istituto Civico Corelli, infatti, nel 2017 la collaborazione con il nostro più prestigioso ente musicale si è bruscamente interrotta. Un distacco non certamente indolore che ha portato a uno strascico di polemiche non ancora completamente riassorbito. Ma il trasferimento in terra straniera per Morbo ha significato l’inizio di nuovi ed entusiasmanti percorsi artistici, che gli hanno permesso di conseguire successi di altissimo livello. Le sue indiscutibili doti umane e professionali hanno, infatti, continuato ad attirare la stima di tutti, anche oltre i confini di una nazione, la nostra, dove il marcato provincialismo sembra rendere perennemente impossibile la valorizzazione del patrimonio culturale di cui dispone.

Oggi il Prof. Morbo è un artista di fama internazionale. Tiene concerti in giro per tutta Europa e, negli ultimi anni, il suo nome è apparso come Direttore d’Orchestra in diverse pubblicazioni discografiche in ambito classico e operistico. Una di queste, “Great Operatic Moments”, è uscita a inizio dicembre e raccoglie alcuni dei momenti salienti che hanno contrassegnato l’intera storia dell’Opera Lirica, soprattutto italiana. Le arie – Verdi, Puccini, Donizetti, Giordano ma anche Mozart – sono state interpretate dalla voce di Eva Helde, soprano svedese di caratura mondiale, e realizzato con la collaborazione di numerose autorevoli personalità del settore. Il disco in formato fisico uscirà dopo le prossime vacanze di Natale e sarà edito dalla prestigiosa etichetta Universal. Fin da ora, però, le dodici tracce dell’album sono disponibili all’ascolto sulle principali piattaforme di musica liquida.

Claudio Morbo racconta così questo suo ultimo lavoro:

“Il progetto di questo CD nasce nel 2019 con l’obiettivo di riunire in uno stesso progetto una serie di episodi lirici tratti sia dal repertorio belcantistico (Donizetti, Bellini, il primo Verdi) che da quello verista (Giordano, Puccini). Protagonista il soprano svedese Eva Helde, un’artista sensibile e intelligente, dotata di una vocalità elegante e raffinata, ideale per mettere in luce le sfumature interpretative di questo repertorio complesso. Grande protagonista è l’orchestra sinfonica MÁV, una compagine ungherese di respiro internazionale, dotata di grande ecletticità che le permette di passare agevolmente dal repertorio sinfonico a quello operistico.”

La registrazione del disco è stata ostacolata dalla pandemia che ha costretto più volte, l’intera compagine, a soste impreviste. Fortunatamente non ci siamo persi d’animo e siamo riusciti ad arrivare finalmente al termine. Protagonista, dietro le quinte ma di vitale importanza, è stato il produttore esecutivo, il m° Berle Sanford Rosenberg. Tenore americano ungherese di adozione, grande conoscitore del patrimonio operistico italiano, ha saputo fornire preziosi consigli fondamentali alla realizzazione del lavoro. Nel disco compaiono anche due straordinari ospiti: il tenore Boldizsar Laszlo e il baritono Levente Molnár, artisti di caratura internazionale che hanno accettato di buon grado di unirsi alla protagonista in duetti di grande valore artistico. Aver avuto l’occasione di poter dirigere questo gruppo straordinario, è per me motivo di enorme soddisfazione!”

Di seguito, il collegamento a Spotify e alcune immagini scattate durante le registrazioni.

Ones

ones

Marco Ughetto, appassionato di musica e giornalismo, chitarrista e cantautore amatoriale, si laurea in Cinema al DAMS di Torino nel 2014, con una tesi sui rapporti tra cinema e cultura digitale. Nel 2002, insieme ad altri quattro amici, dà il via alla prima versione di Groovin' - il portale della musica nel Pinerolese.

http://groovin.eu

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: